scrivimi@carlocortesi.it

domenica, maggio 29, 2011

Remember la Chiesina Uzzanese unica...

Remember la Chiesina Uzzanese unica...

Ieri sera sabato 28 maggio 2011 di fronte alla Discoteca Concorde a Chiesina, nel parcheggio davanti la discoteca, la Pro Loco di Chiesina Uzzanese ha organizzato l'evento "1° remember Concorde" a cui ho partecipato con molta curiosità, io e tanta altre gente.

Allora, altre volte non ho mancato di criticare la Pro Loco per le scelte fatte in tema di iniziative ed eventi, questa volta però devo fare a tutti gli organizzatori i complimenti per l'idea e per la riuscita della serata.

La cosa più bella della serata di ieri sera, almeno secondo me, è stata la tantissima gente che da mezza regione ha raggiunto Chiesina per celebrare un mito quale la Discoteca Concorde, una discoteca che era un simbolo per molti giovani degli anni '80 e '90. Che ha reso famosa Chiesina in tutta Italia.

Conosco da sempre la famiglia Nino Trinciavelli (il Marco Cortesi che ha seguito la nascita e la crescita della Discoteca da Sindaco dice sia il mio babbo...) e conosco quando si siano spesi per il progetti Concorde, che era unico perchè avanti su tutto, dalle luci alla musica. Tutto frutto di impegno e passione di Nino, Fosca e di tutto lo staff.

La serata di ieri sera è stata organizzata anche perchè, almeno così si è detto (anche perchè è quanto previsto nel regolamento urbanistico), al posto della Discoteca verranno fatte case e negozi..

Voglio partire da questo punto.... Andando per punti, come sempre.

1. Il regolamento urbanistico approvato dalla passata amministrazione, anche basandosi sul piano strutturale della giunta Arbi, ha previsto per l'area Concorde un intervento per la realizzazione di appartamenti ed "uffici" (50% e 50%).

2. Sul finire della scorsa legislatura si iniziò a discutere sull'esigenza d variare le percentuali a 70% appartamenti e 30% il resto.

3. Attualmente questa discussione è ancora in corso e, pare, sia coinvolta nella partita anche una modifica all'area ex-Oasi per aumentare la superficie ad uso abitativo sperando così di rendere più appetibile l'intervento.

Personalmente sono contrario a tutto questo. Vero, la giunta Giannini ed il suo Gruppo consiliare hanno approvato il regolamento urbanistico, nel 2006, io compreso. Però a questo punto sono passati 5 anni, di mezzo c'è stata, c'è, una crisi economica mondiale ed il settore dell'edilizia non è certamente quello trainante per l'economia, o quella che potrà farla ripartire.

Ma soprattutto, ed è questo il punto che voglio sottolineare, la gente che ieri sera era al Concorde c'era perchè quella Discoteca ha rappresentato per due decenni qualcosa di unico e che ha caratterizzato l'intero comune, rendendolo famoso ed unico appunto.

Se dopo decenni c'è ancora tanta passione e tanto entusiasmo nel ricordare certi luoghi e certi momenti vorrà dire che ha inciso davvero profondamente nella vita di tantissima gente!

Quindi cosa voglio dire, voglio dire che l'area Concorde deve essere utilizzata per continuare a rendere unico e particolare il nostro grande piccolo Comune! Di case ed uffici ne abbiamo già abbastanza e ci sono ovunque, fra l'altro molte invendute o inutilizzate.

Mi pare la visione di una politica che non guarda davvero al futuro ma che cerca di limitare i danni al presente quella che spera di riproporre un modello di sviluppo superato ed inefficace per riqualificare il paese.

Riaprendo il Concorde? Non credo... Di Trinciavelli non ne fanno più.... Non siamo più negli anni '80, ma certo qualcosa va studiato.

Mesi fa avevo proposto, sia sulle pagine del blog che nel partito che prima nell'Amministrazione, di far decidere i cittadini di Chiesina! Sarebbe una cosa bellissima. Ci si lamenta del fatto che molti non vivono il paese, si vuole renderlo vivo? Bene, iniziamo a rendere partecipe del futuro del nostro Comune la cittadinanza... Magari sarà un percorso più impegnativo di un mercatino una volta al mese, ma certamente sarebbe un segnale di fiducia nelle potenzialità di Chiesina e dei chiesinesi!

2 Comments:

Blogger Alessandro Noli said...

DAvvero peccato era uno status symbol un putno di ritrovo fantastico entravi dentro ed eri catapultato in un'altra dimensione completamente diversa da tutto il resto e diventava tutto molto intrigante l'avventurarsi fra i vari piani delle tante piste..per non parlare della tecnologia usata per stupire il pubblico con suoni ed effetti speciali.....peccato e tanto di cappello a chi ha creduto e portato avanti il progetto Concorde......era bellissimo!!!
Alessandro da Firenze

11:38 AM

 
Blogger Alessandro Noli said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

11:39 AM

 

Posta un commento

<< Home